Igiene e profilassi Igiene e profilassi
Una corretta igiene orale è essenziale se si vogliono conservare e preservare negli anni i propri denti in buona salute, evitare la formazione della carie e le malattie parodontali. La quotidiana formazione di placca batterica è rimovibile dal paziente con un'adeguata igiene orale domiciliare (spazzolino e dentifricio al fluoro, filo interdentale, scovolino) ma è bene sottoporsi a scrupolosi controlli dal dentista con una frequenza di almeno uno ogni 6 mesi per tenere monitorato lo stato di denti e gengive. La prevenzione, per dare i risultati migliori va attuata precocemente: comincia con l’assunzione di corrette quantità di fluoro attraverso dentifrici e/o colluttori specifici, prosegue con l’educazione a corrette abitudini igieniche ed alimentari del bambino, continua con una costante igiene domiciliare associata a controlli ambulatoriali nell’adulto.   La placca non rimossa si trasforma in tartaro che è un insieme di placca, cibo, batteri, saliva, minerali, che si attaccano ai denti e cominciano a rovinarli. Il tartaro può essere eliminato solo nello studio del dentista da personale qualificato, l’igienista dentale, con appositi macchinari e strumenti. Se non si rimuove il tartaro si rischia, col passare del tempo, che si formi della carie ma anche che insorgano varie patologie del cavo orale più o meno gravi. I
Igiene e profilassi sono le parole d’ordine per un’efficace prevenzione delle patologie della bocca
L’IMPORTANZA DELL’IGIENE ORALE QUOTIDIANA
Studio Dentistico
Dott. Ignazio Giampaolo Marano
L’igienista dentale è l’operatore sanitario che, in possesso di laurea universitaria, si occupa di prevenzione, educazione e terapia delle infezioni dentali
Un sorriso bello e sano dipende innanzitutto da una corretta igiene orale quotidiana. In tale prospettiva è importante lavare i denti almeno due volte al giorno dopo i pasti principali; utilizzare un buon dentifricio (possibilmente contenente fluoro, elemento assai utile a prevenire l’insorgenza della carie), coadiuvato da un colluttorio in grado di ridurre la formazione della placca batterica; scegliere uno spazzolino da denti con setole morbide o di media durezza, avendo cura di sostituirlo almeno ogni tre mesi; utilizzare ogni sera il filo interdentale passandolo delicatamente tra dente e dente, senza traumatizzare la gengiva.